Costume e ballo

Su passu torrau

Questo ballo (comune in Sardegna) pare sia originario proprio del paese di Mamoiada, infatti in alcune vecchie incisioni (dei mitici suonatori Mario e Francesco Bande, padre e figlio) il titolo è “Sa Mamoiadina”. I ballerini lo eseguono a piccoli passi senza sollevare le gambe da terra, sfiorando il suolo con le scarpe, disposti sempre a formare un cerchio (tundu = tondo).
A discrezione delle persone che spesso coordinano e “guidano” il ballo, possono danzare singole coppie all’interno del cerchio che si è formato (a su ballu vohau) e, a turno con l’alternarsi fra uomo e donna, si danno il cambio con chi è rimasto all’esterno. Non rara, altri tempi, la doppia o tripla fila di ballerini in cerchio (ballos a tre piza, a tre strati) dovuto alla massiccia presenza di persone partecipanti sia in locali chiusi o all’aperto in piazza.
Il ballo è caratterizzato da due movimenti fondamentali: uno serioso, calmo; l’altro prevede “s’intrada” (“entrata” verso l’interno del cerchio), cioè dei piccoli passi in avanti subito seguiti dal “ritorno” sui passi precedenti (torrau = ritornato); prima dei passi indietro, tutta la schiera di ballerini esegue due brevi flessioni generali sulle ginocchia (quasi degli inchini). L’avviso per questa piccola coreografia viene dato discretamente e senza movimenti plateali, cioè con una pressione alla mano già stretta del compagno/a, una invisibile “comunicazione” che ogni ballerino passa velocemente all’altro. Su passu torrau viene ballato in piazza o al chiuso in occasione di feste paesane, coinvolge persone di ogni età e ceto sociale. Si tratta di un ballo semplice, perciò facilmente eseguibile da tutti, accompagnato anticamente solo dalla voce singola e dal canto a tenore, ora sopratutto dall’organetto diatonico, dalla fisarmonica e dall’armonica a bocca.

Ascolta Su Passu Torrau

 

carnev80

Ballo in piazza (carnevale anni ’80)

Su sartiu

Alla lettera significa “il saltare” ed è un ballo gioioso, caratterizzato da un passo più ritmato ed allegro, con delle puntate in avanti senza necessariamente rompere la rotondità del ballo formatasi con gli altri ballerini. Le coppie all’interno del “cerchio” hanno più libertà di movimento e possono eseguire autonomamente escursioni coreografiche differenti e vistose. Si balla praticamente in qualsiasi festa, sagra o manifestazione al pari di su passu torrau e come movimenti coreografici principali ha gli stessi de su passu. Sia su passu torrau che su sarthiu hanno una piccola variante da utilizzare quando ancora non si è formato il cerchio: chi “tira” il ballo, cioè chi sta in testa al ballo e trascina man mano tutti sino a chiudere il cerchio dei ballerini, rallenta il movimento eseguendo su ballu prantau, praticamente “inchioda” il ballo, cioè esegue i movimenti del ballo con il corpo senza spostare i piedi per dar tempo alle altre persone di colmare il vuoto lasciato dai ballerini chiamati al centro del cerchio riprendendo la compostezza e l’armonia dell’insieme. Nessuno vieta anche alle coppie che si trovano all’interno del cerchio di eseguire a loro piacere questa tecnica.

Ascolta Su Sartiu

ballo3

Su dillu

Secondo gli esperti sarebbe un ballo originario del Goceano composto da un solo movimento, ma a lungo andare faticoso, che consiste in due saltelli sul piede destro e due sul piede sinistro.
Di derivazione profana (come tutti gli altri), pare venisse anticamente eseguito come forma di scongiuro per le vittime della puntura dell’argia, un ragno velenoso, per allontanare il pericolo della morte.
Tale ipotesi sarebbe suffragata non solo dal fatto che da esso deriva un ballo specifico chiamato su ballu ‘e s’arza (il ballo dell’argia), eseguito a passo di “dillu”, ma anche dal nome stesso del ballo. La parola dillu sarebbe, infatti, una contrazione di “dilliriu” che significa delirio; inoltre le parole che accompagnano spesso la danza “dilliri, dilliri, dilliriana”, richiamano per assonanza la stessa parola “dillirium”. Un’altra ipotesi invece fa risalire il nome del ballo da “dillisu” (beffa, scherno) e sostiene che nei tempi antichi il ballo venisse eseguito dopo una razzia di bestiame (“bardana”) come festeggiamento per essere riusciti a beffare i proprietari della mandria. In tempi più moderni veniva richiesto ed eseguito quando il clima era molto rigido, per scaldare l’organismo, trattandosi di un movimento a piccoli ma frequentissimi salterelli che a lungo andare affatica i ballerini.

foto: R. Ballore, A. Sedda, S. Deidda, Pablo Volta – collaborazione F. Corda


 

Pagine: 1 2 3 4 5

Condividi su:

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vota su DZone
Condividi su Facebook
Aggiungi a Delicious
DotNetKicks.com
Shout it!
Condividi su LinkedIn
Segnala su Technorati
Condividi su Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)