Ai Caduti…

Ladu Giovanni
Lai Giuseppe
Malli Albino (Capit.)
Mameli Giov. Antonio (G. Finanza)
Mele Francesco
Melis Antonio
Melis Giovanni Antonio
Meloni Francesco
Meloni Giuseppe
Mercuriu Antonio
Mercuriu Francesco
Morelli Antonio
Muggittu Antonio
Mulargiu Salvatore
Mureddu Giuseppe
Nieddu Cosimo
Pala Efisio
Puggioni Francesco (Serg.)
Santus Pietro
Satta Cosimo
Satta Giustino (Serg. Magg.)
Satta Salvatore
Sedda Antonio
Sileo Francesco
Sini Giuseppe
Soddu Francesco
Soddu Giovanni
Tessuti Ferdinando
Tessuti Pietro
Tolu Giovanni
Turudda Antonio (Capor.)
Uberto Giovanni Antonio
Uberto Pietro
Uranu Giovanni
Verrina Antonio
Zanzu Antonio
Zoppeddu Salvatore (Brig.)

***

Nonostante la storia dell’uomo sia millenaria, l’umanità non sembra aver attraversato nessun periodo prolungato senza guerre.
La guerra, con i suoi orrori e le sue crudeltà, sembra appartenere al patrimonio genetico dellaspecie umana.
E’ un poema sulla guerra, quella fra Greci e Troiani, il primo grande libro della civiltà occidentale, l’Iliade, e anche oggi, che abbiamo ormai superato la boa del terzo millennio, la guerra divampa in varie parti del globo, guerre fra nazioni, ma anche guerre civili, interne ai singoli stati. Eppure l’aspirazione alla pace fa ugualmente parte dei sogni dell’uomo, tanto che il massimo filosofo della modernità, Immanuel Kant, dedicò un volumetto importante allo studio delle condizioni che avrebbero condotto alla pace perpetua.
Perché allora l’uomo vuole il bene e fa il male? Perché la storia umana è un succedersi ininterrotto di atrocità, un “immenso mattatoio”, secondo la definizione datane da Hegel nella sua Filosofia della storia? Perché la guerra? Freud, il padre della psicanalisi, rispose a quest’ultima domanda affermando che nell’uomo c’é un’ineliminabile spinta aggressiva e distruttiva, che solo l’incessante processo di civilizzazione può tentare di tenere a bada.
Ma la guerra, questo “duello su vasta scala per costringere l’avversario a piegarsi alla propria volontà”, come la definì Von Clausewitz, riconosce ragioni supplementari; di carattere economico e ideologico. Gli uomini entrano costantemente in conflitto, a causa di interessi e di visioni del mondo contrapposte e, almeno in apparenza, inconciliabili.
E, ritornando nell’ambito della psicologia, possono affacciarsi alla ribalta della Storia, favoriti da un preciso contesto economico e culturale, uomini animati da una volontà di potenza distruttiva, dalla personalità gravemente disturbata, capaci di convincere le masse della giustezza dei loro propositi. Di personaggi sanguinari e affascinanti allo stesso tempo, ne incrociamo di continuo, sfogliando qualsiasi manuale di Storia: Caligola, Nerone, Gengis Khan, Tamerlano, Hitler, Stalin…
E, spiace ammetterlo, per un imperscrutabile mistero della natura umana persino persone colte e capaci di affetto autentico nei confronti dei propri familiari e della cerchia degli amici, riescono a macchiarsi di crimini infami nei confronti dell’umanità. E’ il caso, per esempio, di molti gerarchi nazisti, affabili nella quotidianità, che leggevano buoni libri e ascoltavano buona musica, capaci poi di pianificare freddamente lo sterminio di esseri umani innocenti.

La guerra è diventata ormai nella coscienza evoluta, uno strumento obsoleto nella risoluzione dei conflitti. La speranza di tutti va riposta nella costruzione di una seria Società delle Nazioni, giudice super partes, che abbia l’autorevolezza e la forza di dirimere le contese in nome di leggi e di regole chiare, stipulate in precedenza. Qualcosa che assomigli all’Onu di oggi, ma molto riveduta e corretta, più giusta ed efficiente, più severa con i potenti e i prepotenti, più caritatevole e tempestiva con i deboli e gli indifesi; così com’è forse è meglio che chiuda bottega.

Pagine: 1 2 3

Condividi su:

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vota su DZone
Condividi su Facebook
Aggiungi a Delicious
DotNetKicks.com
Shout it!
Condividi su LinkedIn
Segnala su Technorati
Condividi su Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)